Benvenuto in Boehringer Ingelheim Italia

venerdì 18 aprile 2014
Scopri The white room:
il sito sull'oncologia
No flash player detected. For optimized usage of this website your browser should support shockwave flash. For downloading see Macromedia Flash Player
Salute al piacere
HonCode

Noi aderiamo
ai principi
HON CODE

Verifica

Il Gruppo in cifre
Skip Navigation LinksHome > Profilo Aziendale > Il Gruppo in cifre

La performance del gruppo nel 2012

La casa farmaceutica Boehringer Ingelheim esamina con soddisfazione i risultati del 2012. Nonostante la difficile situazione congiunturale l'azienda è riuscita a continuare a crescere con profitto. Il fatturato segna un incremento dell'11,5% rispetto all'anno precedente, raggiungendo circa 14,7 miliardi di euro (al netto degli effetti di cambio: +6,3%).

Cardine dell'azienda, oggi come in passato, è l’innovazione frutto dell'attività di ricerca e sviluppo svolta internamente. Al progresso hanno contribuito tutti e tre i comparti: i farmaci per uso umano, i biofarmaci e la divisione veterinaria.

In forte crescita USA, Giappone e Germania, i tre mercati più importanti, dove nel 2012 è stato realizzato il 60% circa del fatturato del Gruppo Boehringer Ingelheim: il fatturato è cresciuto dell'8,7% in Germania, del 15,3% in Giappone e del 15,1% negli USA.

La situazione del mercato in Europa rimane difficile – soprattutto in Francia e nell'Europa meridionale – e non c'è da aspettarsi che migliori nei prossimi anni.

2012
2011
%
Fatturato netto
14.691
13.171
+ 11,5%
Fatturato netto per continente
      
      
      
Europa
4.194
4.037
+ 3,9%
Americhe
6.905
6.087
+ 13,4%
Asia, Australia, Africa
3.592
3.047
+ 17,9%
Fatturato netto per area
      
      
      
Farmaci da prescrizione
11.405
10.096
+ 13%
Farmaci automedicazione
1.505
1.396
+ 7,8%
Biofarmaci
549
519
+ 5,8%
Farmaci veterinari
1.062
976
+ 8,8%
      
      
      
      
Ricerca e Sviluppo
2.795
2.516
+ 11%
Utile operativo
1.853
2.272
- 18%
N° medio impiegati
46.228
44.094
+ 5%
DATI IN MILIONI DI EURO
      
      
      

Nel 2012, l’azienda ha investito in R&S 2,8 miliardi di euro (+ 11% rispetto all’anno precedente.

Con i farmaci per uso umano l'azienda ha realizzato nel 2012 un fatturato di 13,08 miliardi di euro, pari a un incremento del 12% rispetto all'anno precedente (al netto degli effetti di cambio: +7,7%). Al comparto dei farmaci da prescrizione è da ricondurre, ancora una volta, una grossa parte del fatturato del Gruppo, pari al 78%. In questo comparto il fatturato è aumentato del 13% (al netto degli effetti di cambio: +7,1%), raggiungendo circa 11,4 miliardi di euro.

Anche il fatturato dei farmaci senza obbligo di prescrizione è cresciuto nel 2012 del 7,8% (al netto degli effetti di cambio: +4,7%), arrivando a circa 1,5 miliardi di euro.

Nella divisione veterinaria Boehringer Ingelheim nel 2012 ha realizzato per la prima volta più di un miliardo di euro di fatturato, che corrisponde al 7% circa del fatturato del Gruppo e a un incremento dell'8,8% rispetto all'anno precedente (al netto degli effetti di cambio: +3,8%).

Nel 2012 Boehringer Ingelheim ha realizzato con i biofarmaci un fatturato di 549 milioni di euro, che corrisponde a un incremento del 5,8% rispetto all'anno precedente e a circa il 4% del fatturato del Gruppo.

Boehringer Ingelheim in Italia
Con un fatturato netto 2012 pari a 499 milioni di euro (+ 7,5% rispetto all’anno precedente), Boehringer Ingelheim Italia si colloca a livello nazionale tra le prime 20 aziende farmaceutiche, affermando ancora una volta, il ruolo decisivo del nostro Paese nella politica industriale del Gruppo, sia per quanto riguarda la ricerca , che la produzione di principi attivi.

L’incremento del fatturato Italia è stato determinato soprattutto dalla buona performance di Bidachem, sito produttivo di Fornovo San Giovanni (BG) che da 30 anni produce principi attivi per il Gruppo Boehringer Ingelheim, e che rappresenta sempre più un polo strategico a livello mondiale, il cui fatturato è passato dagli 81 milioni di euro del 2011 ai 119 milioni di euro del 2012 (+47%), di cui il 95% è destinato all’estero.

L’innovazione continua ad essere per Boehringer Ingelheim Italia l’elemento cruciale su cui puntare per vincere le sfide imposte dai nuovi scenari internazionali attraverso lo sviluppo di nuove molecole in aree terapeutiche molto importanti quali quelle delle patologie cardiocerebrovascolari, oncologiche, metaboliche e infettivologiche.

Utenti registrati
Novità
Making more health - Nuova Partnership tra Boehringer Ingelheim e Ashoka